Psicologia Clinica ad indirizzo psicocorporeo

images/Schermata 2020-10-05 alle 14.38.01.png

La psicologia clinica è una delle tante applicazioni teorico-pratiche della psicologia.


Lo studio della comprensione dell'essere umano, dei suoi sistemi di funzionamento, mentali, emotivi e corporei sono le basi di questa disciplina riconosciuta come professione sanitaria.


Lo psicologo clinico agisce in merito alla comprensione, alla prevenzione ed intervento nelle problematiche psicologiche e relazionali individuali, famigliari e di gruppo.


Si rivolge alla prevenzione delle condizioni di disagio personale e ralazionale, all'identificazione precoce di sistemi disfunzionali e patologici, all'inquadramento dei fattori psicologici, di personalità, famigliari, relazionali e contestuali che generano il disturbo e lo mantengono.


In quanto noi esseri umani siamo un organismo complesso e funzioniamo e interagiamo con l'ambiente in un continuo adattamento, non si può non considerare in un lavoro di crescita personale, la nostra componente emotiva e corporea.


Non siamo i nostri pensieri, e non tutti i nostri disagi risiedono nella testa.

Avere un'attenzione al nostro corpo e alle nostre emozioni che vengono espresse proprio tramite quest'ultimo, ci impone di avere anche una particolare attenzione verso l'interazione psicorporea.

Questa attenzione nasce da lontanissimo, oltre 100 anni fa con W. Reich e successivamente con A. Lowen.


La mia esperienza, dal tirocinio ai successivi master e corsi di formazione mi hanno improntato sul considerare sempre la persona come un'individuo dotato di un corpo e di una mente in costante interazione tra loro.

La consapevolezza di sé è sempre il primo passo verso un cambiamento, e quindi la consapevolezza del sé psicosomatico che si coltiva nel tempo prende ampio spazio nel mio lavoro da clinico.